lunedì 31 dicembre 2007

Calendula pomata

E' piuttosto raro che l'omeopatia utilizzi prodotti per uso esterno, più tipici in realtà della fitoterapia, in quanto basa i suoi principi terapeutici più sulla cura dell'individuo nella sua totalità che sui trattamenti topici .
Fa parziale eccezione a questa regola, insieme ad altri pochi prodotti, la pomata alla Calendula.
Disponibile per uso esterno anche sotto forma di gel e di spray, questa pomata si ricava dai fiori della Calendula officinalis (dal latino calendae, cioè primo giorno del mese, in quanto in passato si riteneva che sbocciasse solo alle "calende") appartenenti alla famiglia delle Composite o Asteraceae, piante originarie dell'Asia mediorientale e dell'Europa e quindi molto diffuse anche nel nostro Paese.
La calendula ha un'azione fortemente lenitiva, idratante, antisettica e cicatrizzante, per cui è particolarmente indicata per ferite (anche infettate), ulcerazioni e piaghe; per manifestazioni cutanee con arrossamento (acne, eritema solare, eritema dei neonati dovuto all'uso di pannolini, ecc.); per callosità plantari dolorose; per smagliature, specie a livello addominale; per l'orzaiolo.
Si applica come qualsiasi altra pomata, non unge ed è assolutamente anallergica e priva di controindicazioni o di effetti collaterali.
Al posto della pomata è possibile utilizzare per uso esterno anche direttamente la Tintura Madre di calendula (che per uso orale ha anche molte altre proprità terapeutiche, soprattutto a livello ginecologico).
Come dicevo all'inizio dell'opinione, l'omeopatia in genere è contraria ai trattamenti locali perchè aiutano certamente a risolvere la sintomatologia, ma non risolve le cause di fondo del problema, per cui per problemi più importanti, quali ad esempio l'acne, è bene associare all'uso della pomata una cura più completa in grado di risolvere il problema alla radice.
Molte case farmaceutiche e parafarmaceutiche commercializzano, con prezzi spesso piuttosto contenuti, la pomata alla calendula, spesso associata all'aloe, altra pianta con importanti azioni lenitive e antisettiche.

Per approfondimenti sull'omeopatia in generale clicca qui.

8 commenti:

vecchiatalpa ha detto...

grazie per le interessanti informazioni

Proscar ha detto...

molto interessante il tuo blog, complimenti e buon anno!!

Raggio di sole ha detto...

Buon Anno e ..grazie delle informazioni preziose sulla calendula....ciao

Laura ha detto...

A me capita di usarla ogni tanto, nel mio armadietto ormai ha messo radici. Ciao.

sauvage27 ha detto...

Qualche secolo fa mi interessavo di fitoterapia...e mi ricordo anche delle ottime proprietà della calendula... , ...mandi mandi ...Loris...

Phoebe ha detto...

Grazie mille per le informazioni molto interessanti!

Edelweiss ha detto...

Che meraviglia! E' una vita che uso prodotti omeopatici e fitoterapici - grazie a medici illuminati - ma non ho mai avuto chiarimenti. Ora mi sento più disponibile all'utilizzo. Grazie grazie grazie.

katana ha detto...

Salve...
Naturopata e ricercatore auto-didatta... cerco appassionati o comunque qualcuno che sia interessato a sviluppare una metodologia di test con unitari omeopatici...
Lo scopo è di rintracciare il "simile" individuale...
Scrivetemi direttamente nel mio blog: www.kiaikidobushido.blogspot.com o trammite e-mail:
Buon Natale e buoni auspici per il 2012!!